Immatricolati in italia - Italiani NATO Izmir

Vai ai contenuti

Menu principale:

Auto-moto
Auto e Moto
  └> Immatricolati in Italia
IMMATRICOLATI IN ITALIA
Gestione auto
 
L'arrivo ad Izmir con l’autovettura costituisce un vantaggio per la possibilità di spostarsi in modo autonomo, per conoscere il nuovo luogo di residenza e cominciare la ricerca dell’alloggio definitivo, senza dover fare affidamento su mezzi pubblici o al supporto dei colleghi. Al contempo, bisogna considerare alcuni fattori, quali la lunghezza del viaggio in traghetto (almeno due giorni) e la gestione dell’auto in città (parcheggi, prevenzione furti, ecc.).

Assicurazione
 
In ogni caso, prima della partenza con o senza auto, provvedendo successivamente alla spedizione del veicolo,  è indispensabile verificare di essere in possesso della Carta Verde valida anche per paesi extra Unione Europea compresa nel contratto assicurativo. La Carta Verde deve includere tutta la Turchia, vale a dire la Turchia asiatica (Anatolia), nonché la Turchia europea. Alternativamente è possibile sottoscrivere una cosiddetta “assicurazione a breve termine”. L'automobilista visitatore sprovvisto di polizza di assicurazione straniera valida per l'intera Turchia, deve sottoscrivere una polizza presso la sede del TTOK a Istanbul, ai posti di frontiera di Kapikule, Ipsala e Derekoy o nei porti di Izmir, Mersin o Iskenderun. Il seguente indirizzo può essere utilizzato per contattare direttamente dall’Italia l’ufficio dedicato prima dell’arrivo in Turchia:
 
-   Turkish Motor Insurance Bureau
Büyüdkere Caddesi, Oya Sokak Devran Apt. 2/1
80300 Gayrettepe
Istanbul Tel: (90) 212 - 217 59 68/69/70/71
Fax: (90) 212 - 217 59 72
e-mail: turkmotorlutasit@superonline.com
 
L’Assicurazione minima obbligatoria per la Turchia deve comprendere l'assicurazione sulla responsabilità civile a garanzia dei danni fisici alla persona e materiali è obbligatoria per tutti i conducenti di veicoli automobili, residenti o visitatori. Alla data della pubblicazione di questo documento il massimale minimo (in milioni di lire turche) da garantirsi per ciascuna categoria di rischio corrisponde al seguente elenco:
 
a)  decesso/danni fisici a persone, escluse spese sanitarie:
 
- per persona 11.000 (autovettura); 11.000 (motociclo);
 
- per sinistro 55.000 (autovettura); 33.000 (motociclo);
 
b)   spese mediche:
 
-   per persona 11.000 (autovettura); 11.000 (motociclo);
 
- per sinistro 55.000 (autovettura); 33.000 (motociclo);
 
c)   danni materiali:
 
- per veicolo: 1.200 (autovettura); 1.200 (motociclo);
 
- per sinistro: 2.400 (autovettura); 2.400 (motociclo).

L'immatricolazione italiana
 
A seguito del trasferimento in Turchia, l’immatricolazione può essere gestita in due modi,  come di seguito riportato:
 
-   nel caso si desideri riportare il veicolo in Italia, l’immatricolazione dovrà essere mantenuta attiva.  Ciò comporta il pagamento annuale della tassa di possesso ("Bollo");
 
-   nel caso si intenda vendere il veicolo all'estero (la vendita è consentita esclusivamente a personale civile e militare straniero in Turchia) prima del termine del mandato. l’auto dovrà essere cancellata dai registri del P.R.A. della Provincia di appartenenza, personalmente o per delega, restituendo  le targhe,  il libretto ed il foglio complementare (o certificato di proprietà). Ciò comporta l’esenzione del pagamento della tassa di possesso.
 
Glı Italianı del LANDCOM di Izmir (Turchia)
Torna ai contenuti | Torna al menu